Navigation







Pittori - Disegnatori - Illustratori

FONTANAROSA Lucien (1912 - 1975)

85a Divisione
mercredi 5 novembre 2008.
 

Pittore e Disegnatore

Lucien Fontanarosa, figlio di Francesco Fontanarosa e Stefania Lucchin, entrambi italiani, nasce a Parigi, dove i genitori si sono da poco trasferiti, il 19 dicembre 1912. Durante l’infanzia del futuro pittore la famiglia compie tuttavia frequenti viaggi in Italia, in particolar modo in Veneto, a Padova, e nella cittadina ligure di San Remo, dove i Fontanarosa si stabiliscono dal 1921 al 1923 per tornare poi definitivamente a Parigi.

I genitori assecondano la sua precoce passione per il disegno, permettendogli di iscriversi dapprima all’ École Estienne di disegno litografico, dove il giovane Lucien vincerà un premio che gli permetterà di compiere un viaggio in Tunisia, e quindi all’École nationale des Beaux-Arts, nel 1931. Allo stesso tempo apre il suo primo atelier di pittura, dove lavora per lo più in solitudine e si interessa al movimento cubista.

A seguito dei primi riconoscimenti ufficiali attribuiti alla sua arte (tra cui il "Grand Prix d’Afrique du Nord" conferitogli dalla città di Parigi nel 1935), fra il 1934 e il 1939 viaggia costantemente tra la Spagna, il Marocco e soprattutto l’Italia (in particolare Villa Medici a Roma), dove nel 1939 sposa la sua compagna Annette Faive. Non sarà l’ultimo viaggio del pittore in Italia, paese dove Fontanarosa tornerà più volte nel corso della sua vita.

Nel corso degli anni la sua fama cresce soprattutto in Francia, dove gli vengono commissionate numerose opere, tanto dallo stato quanto da privati : tra le altre ricordiamo la composizione intitolata Le Brabant (1941), che abbellisce oggi la Caisse Nationale del Crédit Agricole a Parigi ; il quadro Fleurs (1948) per la Cancelleria della Légion d’Honneur ; la decorazione di uno dei soffitti del Lycée de l’Ouest a Nizza ecc.

Soggetti principali della sua arte, che richiama al classicismo ma non per questo pecca di mancanza di originalità, sono Venezia con le sue strade d’acqua ed i suoi scorci suggestivi (Venise - La Salute au soleil couchant), ma anche il canale Saint Martin o gli splendidi paesaggi della Provenza. Accanto al paesaggio, la natura morta è un altro dei temi ricorrenti della pittura di Fontanarosa, così come l’esecuzione di soggetti inerenti la musica (Les deux guitaristes) o la danza (Ballerines, fond bleu).

Non va inoltre dimenticata la sua continua attività di illustratore, soprattutto di opere quali Terre des Hommes di Saint-Exupéry, L’amante di Lady Chatterley di D.H. Lawrence, il Germinal di Zola e Delitto e castigo di Dostoïevski, solo per citarne alcune, nonché di alcune banconote per lo stato francese, come quelle da 500 e da 100 franchi (il celebre "Delacroix").

Espone e riceve commenti entusiasti in Europa e nel mondo, in particolare in Giappone (1961), in Germania ed in Florida (1963). Nel corso degli anni gli vengono conferiti prestigiosi riconoscimenti, tra i quali meritano di essere menzionati l’elezione a membro dell’Accademia di Belle Arti dell’Institut de France (1955) e la nomina a cavaliere della Legione d’Onore per l’Educazione Nazionale (1957).

Artista completo, affermato in Francia e oggi, forse, troppo spesso dimenticato - soprattutto in Italia - Lucien Fontanarosa muore a Parigi il 27 aprile 1975.

La tomba del pittore si trova nell’ 85a divisione, a pochi passi da quella del grande Marcel Proust ed ancor più vicina a quella dello scrittore iraniano Sadegh Hedayat. In particolare è situata all’interno di quello che resta del settore mussulmano del cimitero, ancora oggi delimitato da una siepe, pur se all’interno dello stesso vi sono ormai da tempo diverse tombe di defunti appartenenti ad altre confessioni, tra cui lo stesso Fontanarosa.

Il sepolcro di Lucien Fontanarosa è composto da un basso perimetro in pietra - recante sul lato corto che dà sul sentiero il nome del pittore, quello della moglie Annette Faive e le rispettive date di nascita e di morte - al cui interno si trovano numerosi arbusti e piante, sia direttamente piantati all’interno dello spazio delimitato dalla pietra che contenuti in vasi, così come talvolta si possono reperire bouquet di fiori.

Per chi volesse approfondire la conoscenza dell’opera dei coniugi Fontanarosa si consiglia di visitare il seguente sito internet, interamente dedicato ai due artisti : http://www.fontanarosa.com/

Crédit photo : Annie_photo (APPL 2008)